100 racconti per bambini coraggiosi (E. Sforza)

By Pagine e Parole - settembre 28, 2017

Il coraggio, al contrario di quello che puoi pensare, non vuol dire non avere paura. Avere paura è normale. Ma le persone coraggiose sono quelle che affrontano le loro paure e le loro incertezze e le usano per diventare più forti. 

Titolo: 100 racconti per bambini coraggiosi
Autore: Elena Sforza (autore), Sabrina Ferrero (illustratore)
Editore: Mondadori Electa (settembre 2017)
Prezzo: 19.00 €
N° pagine: 223

Qualche mese fa ho parlato di Storie della buonanotte per bambine ribelli, una raccolta di 100 storie di donne che in un modo o nell'altro hanno lasciato il segno.

E i maschietti? Dove sono?
La risposta è molto semplice: sono in 100 racconti per bambini coraggiosi.
Come dice il titolo stesso è anche questo una raccolta di 100 storie di grandi uomini, che inseguendo i loro sogni e superando le loro paure, hanno fatto qualcosa di importante.
Il nucleo del testo infatti è proprio il coraggio.
Elena Sforza ha creato un libro che si presenta come un esempio e un invito a tutti i bambini (e a tutte le bambine) a essere coraggiosi, ad affrontare le proprie paure, a fare la cosa giusta nonostante tutto.

Il libro non si discosta molto dalla sua versione femminile: la lettura è estremamente piacevole, arricchita da splendide illustrazioni. Le storie sono brevi e semplici, ma d'effetto, spaziano dalle scienze alla letteratura, dall'attivismo allo sport, presentandoci personaggi già molto famosi come Cristoforo Colombo o Martin Luther King, per passare a persone più vicine a noi come Fedez o Mark Zuckerberg.
Una cosa che non mi è ben chiara è perchè sono stati inseriti personaggi immaginari, come James Bond e Pinocchio. Un testo del genere non ha di certo bisogno di figure inventate dalla letteratura o dal cinema per essere completo; avrei certamente preferito la storia di Carlo Collodi, invece che quella del burattino; la realtà certe volte è molto più bella e significativa della finzione.

Come per Storie della buonanotte per bambine ribelli possono essere avanzate alcune critiche: anche in questo caso io lo avrei chiamato semplicemente "Bambini coraggiosi", ma questo è un parere totalmente personale. 
Si potrebbe tuttavia resuscitare quell'assurda polemica avanzata da Michela Murgia, che nello spazio televisivo di Quante storie su Rai 3, stroncò Storie della buonanotte per bambine ribelli dicendo che era rivolto solo alle femmine e che il linguaggio era complicato e banalizzava i contenuti.
100 racconti per bambini coraggiosi non è immune a queste critiche, si potrebbe dire che l'errore continua, che questo è rivolto solo ai bambini maschi, e che siamo di nuovo di fronte a contenuti banalizzati.
Polemiche sterili secondo me, mi ripeterò dicendo questa cosa, ma ricordiamoci che è un libro per chi non sa leggere, è un libro per bambini e quindi devono essere i genitori a leggerlo sia ai figli maschi sia alle figlie femmine, ed è sempre compito loro spiegare concetti che possono effettivamente rivelarsi complicati.

Da bambina grande concludo dicendo che è davvero un bel libro e non solo per i bambini. E' un libro che ci ricorda quanto è importante essere coraggiosi, ma anche quanto è difficile. 

  • Share:

You Might Also Like

0 commenti