Sette minuti dopo la mezzanotte (P. Ness)

By Pagine e Parole - gennaio 22, 2018

Le storie sono creature selvagge e indomite, continuò il mostro. Quando le liberi, chi può sapere quali sconvolgimenti potranno compiere?

Autore: Patrick Ness e Siobhan Dowd
Titolo: Sette minuti dopo la mezzanotte
Editore: Mondadori (gennaio 2013)
Prezzo: 10.00 € (copertina flessibile); 6.99 € (formato kindle)
N° pagine: 181



Il mostro si presentò poco dopo la mezzanotte. È così che fanno. 
Per l'esattezza alle 12.07. Sette minuti dopo la mezzanotte. 
Il mostro è venuto a prendere Conor, ma lui non ha paura, prova solo un profondo senso di delusione, perchè non è il mostro che si aspettava. Non ha artigli e nemmeno denti aguzzi, è un albero, vecchio e selvaggio.
Conor si aspettava l'orribile incubo di vortici e urla che lo tormenta da quando la madre ha iniziato la chemioterapia.
L'albero andrà dal ragazzo per tre notti e gli racconterà tre storie, ma in cambio chiederà la cosa più pericolosa di tutte...la verità.

Chi sono? ripeté il mostro, ancora con quel suo ruggito. Sono la spina dorsale su cui si reggono le montagne! Sono le lacrime piante dai fiumi! Sono i polmoni che soffiano il vento! Sono il lupo che sbrana il cervo, il falco che sgozza il topo, il ragno che mangia la mosca! Sono il cervo, il topo e la mosca che vengono divorati! Sono il serpente del mondo che morde la sua stessa coda! Sono tutto quello che è indomito e indomabile! Sono questa terra selvaggia, e sono venuto qui per te, Conor O'Malley.

Ho conosciuto questo libro grazie a @thebooksrebellion, che per inaugurare il nuovo anno hanno lanciato un nuovo progetto chiamato #acciobookclub, un gruppo di lettura a cadenza mensile. 
Non posso fare altro che ringraziarli, perchè senza di loro avrei continuato a vivere nell'ignoranza. 

Sette minuti dopo la mezzanotte è un romanzo fantasy per ragazzi, pubblicato nel 2011 e arrivato in Italia nel 2012. 
La storia viene dalla brillante mente di Siobhan Dowd, malata terminale di cancro, che purtroppo non ebbe mai il tempo di finirlo (morì nell'agosto del 2007). 
Il compito di concludere l'opera spettò a Patrick Ness e a Jim Kay che ne curò le illustrazioni.

Sette minuti dopo la mezzanotte parla di un bambino che deve affrontare la malattia della madre. Non è una cosa da poco, credo che per certe cose nessuno è mai grande abbastanza

Come la maggior parte dei libri per ragazzi, anche questo si rivela ancora più potente letto da adulti
Affronta temi davvero importanti, come il bullismo, la separazione dai genitori, la malattia e la morte con grande sensibilità e una tenerezza unica.

Il mostro non vuole spaventare Conor, il suo scopo è quello di metterlo davanti alla realtà dei fatti. Una verità che il ragazzo non vuole accettare, proprio come non vogliamo accettarla noi lettori, che siamo trasportati in questa vicenda tra sogno e realtà e insieme a Conor continuiamo a sperare nel miracolo, ma nel profondo sappiamo già quello che accadrà. 

Con parole semplici e una narrazione dolce e veloce, Patrick Ness ci racconta una storia dura e ci costringe alla paura di voltare pagina. 
È una storia che strappa il cuore, ma lascia un senso di pienezza e libertà

Ho letteralmente divorato questo libro e il caso ha voluto che lo abbia finito proprio stanotte, intorno alla mezzanotte. 
Sono d'accordo con @ferrarogilda quando dice che è un libro che si legge di notte, ma poi come si può dormire dopo tutto questo?






  • Share:

You Might Also Like

0 commenti